LEZIONE 07: Come si producono i bitcoin

 

.Come si producono i bitcoin

 

La generazione di bitcoin è equivalente all’emissione delle valute da parte delle banche centrali, avviene attraverso un procedimento denominato mining per la sua similitudine al lavoro che si fa in una mina per trovare l’oro.

Per capire meglio come funziona il mining dobbiamo risalire alle origini del bitcoin, quando il suo creatore si è trovato di fronte al problema di come emettere nuovi bitcoin attraverso un metodo decentralizzato.

Visto che la blockchain sulla quale si basa il bitcoin, è composta da una rete di computer che forniscono la potenza elaborativa per il suo funzionamento, la soluzione è stata quella di programmare il sistema in maniera che i componenti della rete, per poter mantenere funzionale la blockchain, ricevano come premio un numero di bitcoin proporzionale alla quantità di potenza elaborativa che forniscono. Per potenza elaborativa mi riferisco al lavoro che deve fare un computer per fare dei calcoli matematici.

Per capire come viene usata questa potenza elaborativa per ricevere bitcoin come premio, dobbiamo sapere che tutti i trasferimenti che vengono realizzati ogni dieci minuti, vengono racchiusi in una specie di scatola aperta che si chiama BLOCCO, finché questa scatola rimane aperta, non si può aggiungere alla catena di blocchi esistente (blockchain) e quindi i trasferimenti non si considerano reali.

Per poter chiudere questa immaginaria scatola e confermare questi trasferimenti, bisogna risolvere dei dati contenenti calcoli crittofrafici di enorme complessità che, una volta risolti permettono di chiudere la immaginaria scatola e aggiungere il blocco alla catena di blocchi (blockchain), attualizzando in questa maniera l’enorme database pubblica, confermando che i trasferimenti come reali e regolari.

Per poter fare questo, il miner o minatore, che può essere una persona o un gruppo di persone che si uniscono in un pool di mineria, prendono un blocco  e cominciano ad applicare complicati calcoli all’informazione che vi è contenuta, fino a quando dopo innumerevoli tentativi, riescono a risolvere le equazioni matematiche relative a tutte le transazioni del blocco. A questo punto diciamo che si può chiudere la scatola immaginaria e aggiungere il blocco alla blockchain, aggiornando l’enorme database pubblico, proprio come si fa in un ente centrale quando si registra un movimento bancario nella database.  Quando si chiude un blocco, oltre a confermare le transazioni contenute, il sistema crea automaticamente un numero determinato di bitcoin che appartengono ai miner che hanno partecipato per risolvere queste equazioni come premio per il loro lavoro.  Logicamente questi nuovi bitcoin prodotti vanno ad aumentare il numero totale di bitcoin presenti nella rete.

All’inizio Il premio che ricevevano i miner ogni  volta che aggiungevano un blocco alla catena di blocchi, era di 50 bitcoin, però il sistema è stato creato in maniera che il premio ogni 4 anni diminuisca alla metà, infatti attualmente i miner ricevono 12.5 bitcoin per ogni blocco, la diminuzione di bitcoin è comunque compensata dalla loro rivalutazione nel tempo.

Per cercare di mantenere la produzione dei bitcoin sempre costante, indipendentemente dalle persone che partecipano all’attività della mineria, il sistema è programmato in maniera da aumentare la difficoltà di calcolo, conforme aumentano le persone che forniscono potenza elaborativa,. Come abbiamo visto quando si arriverà a 21 milioni di bitcoin prodotti, il meccanismo di produzione smetterà di funzionare e l’unica fonte di guadagno per i miner sarà la commissione che fanno pagare per confermare le transazioni.

In parole povere la blockchain sostituisce quello che fanno le banche e gli operatori finanzieri, ossia mantenere aggiornata la database della banca relativa ai nostri movimenti bancari.

Visto che ogni computer collegato a questa rete, ha una copia esatta della blockchain, è impossibile poter falsificar il bitcoin, perché bisognerebbe modificare l’informazione della blockchain contenuta all’interno di migliaia di computer e, farlo allo stesso tempo.

Un’ulteriore conferma della sicurezza offerta da questa valuta digitale.

In un’altra lezione spiegheremo con più dettagli il funzionamento della blockchain e come si confermano le transazioni.

 

LEZIONE ANTERIORE  –  LEZIONE SEGUENTE

 

 

SEGUIMI NELLE RETI SOCIALI

 

.

Vuoi che ti avviso quando pubblico una nuova lezione?
Solamente devi scrivere la tua email qui sotto.

Vuoi che ti avviso quando pubblico una nuova lezione?


Solamente devi scrivere la tua email qui sotto.

You have Successfully Subscribed!