LEZIONE 03: Come e perché è nato il bitcoin

 

Come e perché è nato il bitcoin

Gli Stati Uniti proibiscono ai propri cittadini stampare moneta propria e competere con il dollaro. Nel 1998 Bernard Von Nothaus decise di mettere a prova il governo centrale e creò il liberty dollar, che era disponibile in oro, argento, platino, in rame o in formato cartaceo e che garantiva il cambio con questi metalli. Il governo degli Stati Uniti lo arrestò e lo condannò a 22 anni di prigione per falsificazione di monete, frode e cospirazione.

Questo fatto ispirò al creatore del bitcoin, conosciuto a livello mondiale con il soprannome di Satoshi Nakamoto, per creare una nuova moneta che non fosse controllata da nessun governo o entità centrale e, visto quello che era successo a Bernard Von Nothaus, forse per questo motivo decise di mantenere la sua vera identità in segreto, al punto che ancora oggi non si sa con certezza chi fosse questa persona. Visto le conoscenze avanzate in  matematica, economia, criptografia e programmazione che ci vogliono  per creare  questo sistema, è logico pensare che potrebbe non trattarsi di  una sola persona, ma di un gruppo di persone.

Nel mese di ottobre del 2008,  Satoshi Nakamoto pubblicò per la prima volta in internet un articolo che descriveva i risultati di una ricerca, dove spiegava il funzionamento di un nuovo sistema di moneta virtuale.

Il 3 gennaio 2009, due mesi più tardi, Satoshi Nakamoto lanciava in Internet il software che mette in funzione la rete bitcoin e minò il primo blocco di bitcoin ottenendo 50 bitcoins.

Sempre nello stesso anno Satoshi Nakamoto effettuò il primo trasferimento di bictoin a una persona chiamata Hal Finney.

Nel mese di ottobre del 2009, si realizza il primo cambio di dollari in bitcoin nel nuovo broker Liberty Standard. Il prezzo di questa prima transazione è di 1 BTC por 0,003$

Nel maggio 2010, Laszlo Hanyecz un programmatore della Florida, effettua la prima transazione reale del mondo per comprare due pizze di Papa John’s che paga 10mila Bitcoins per un valore di 25 $. Questa pizza verso la fine dell’anno 2017 varrebbe 44 milioni di dollari.

Nel mese di luglio del 2010, si lancia il primo portafoglio virtuale dell’azienda Mt Gox, che inizia i suoi servizi e diventa presto il broker con il più grande volume di acquisto e vendita di Bitcoins.

Nell’agosto 2010, appare la prima vulnerabilità nel protocollo Bitcoin. Fino a quel momento le transazioni non venivano verificate prima di essere incluse nella catena di blocchi, ciò consentiva agli utenti di superare le restrizioni di Bitcoin e di creare un numero indefinito di Bitcoins.

Il 15 agosto si scopre la vulnerabilità e vengono rilasciati 184 miliardi di bitcoins in una singola transazione. In un paio di ore la transazione viene rilevata, eliminata e la vulnerabilità viene risolta. Fino ad oggi è stata l’unica vulnerabilità rilevata nel protocollo Bitcoin.

Novembre 2010. Il valore dei Bitcoins emessi supera il milione di dollari.

Nel dicembre 2010, Bitcoin chiude l’anno con un valore di 0,30 dollari.

Fino alla metà del 2010 Satoshi Nakamoto partecipò attivamente in reti sociali, chiarendo i dubbi delle persone che mostravano interesse per questa tecnologia e formando un gruppo di persone di fiducia alle quali comincio ad affidare il compito di prendere decisioni, fra cui Gavin Andresen il quale contribuì inviando a Satoshi del codice di programmazione per migliorare il sistema, attualmente è il principale responsabile dello sviluppo del miglioramento del bitcoin.

Nel mese di aprile del 2011 Satoshi Nakamoto semplicemente sparì e nessuno seppe più nulla di lui, l’unica cosa che si sa è che ha accumulato 1 milione di bitcoin e che non ne ha mai utilizzato nemmeno uno.

Il resto della storia la puoi leggere in questo articolo: https://en.wikipedia.org/wiki/History_of_bitcoin

 

LEZIONE ANTERIORE  –  LEZIONE SEGUENTE

 

 

SEGUIMI NELLE RETI SOCIALI

 

 

.

Vuoi che ti avviso quando pubblico una nuova lezione?
Solamente devi scrivere la tua email qui sotto.

Vuoi che ti avviso quando pubblico una nuova lezione?


Solamente devi scrivere la tua email qui sotto.

You have Successfully Subscribed!